FAQ - Domande frequenti

Domande frequenti sull'essiccazione del legno

Le risposte dei professionisti BASCHILD ai quesiti più ricorrenti.

La tua domanda non è fra queste? Contattaci!

L'albero appena tagliato contiene molta acqua, che ne ostacola la lavorazione e la conservazione.

La quantità eccessiva di acqua deve essere eliminata con un processo di essiccazione e portata ai valori di umidità finale, per consentire un uso commerciale del materiale.

Questo delicato processo deve avvenire senza danneggiare il legno.

Il legno è un materiale igroscopico che ha una naturale tendenza a cedere ed assorbire umidità dall'ambiente in cui si trova. Per questo motivo durante il processo di essiccazione il legno va portato ad un valore finale di umidità il più vicino possibile a quello dell'umidità dell'ambiente dove verrà impiegato.

Pertanto, attraverso un'adeguata essiccazione artificiale, si può evitare l'alterazione del materiale dopo la lavorazione ed incrementarne il valore commerciale.

Fra le tecnologie dedicate all'essiccazione del legno, l'essiccazione tradizionale ad aria calda è senz'altro la più diffusa, grazie all'ottimo rapporto fra costo dell'investimento e produttività.

Gli essiccatoi per legno BASCHILD TDK rientrano proprio in questa categoria.

L'essiccazione artificiale è un procedimento fondamentale nella lavorazione del legno, poichè comporta notevoli vantaggi rispetto all'essiccazione naturale, come la riduzione del volume di scarto e dei tempi di stoccaggio.

Il processo di essiccazione consiste nel creare, all'interno di speciali celle, un clima che favorisca la graduale e controllata rimozione dell'umidità del legno.

I parametri chiave da regolare in base alle caratteristiche del legno sono: temperatura, umidità dell'aria e ventilazione.

Le temperature variano in funzione delle caratteristiche del legno da essiccare.

L'umidità è un fattore decisivo per la durata del processo di essiccazione e per la qualità finale del legno: un'essiccazione troppo rapida può causare gravi danni, mentre un'essiccazione troppo lenta può provocare la formazione di muffe.

L'aria svolge un ruolo duplice: porta il calore del sistema di riscaldamento al legno e ne assorbe l'umidità.

Le celle BASCHILD TDK permettono un'essiccazione di elevata qualità, gestendo al meglio le variabili che caratterizzano il processo.

L'impianto di essiccazione ha come scopo la riduzione dell'umidità del legno nel più breve tempo possibile.

Il principio di funzionamento consiste nel far passare aria calda attraverso le cataste di legno, con l'intento di farne evaporare l'umidità.

Temperatura ed umidità dell'aria vengono controllate e regolate mediante un sistema elettronico.

Il movimento dell'aria all'interno dell'impianto viene creato dall'azione di ventilatori reversibili.

L'aria che nell'attraversamento delle cataste si è inumidita e raffreddata viene riportata alle condizioni iniziali tramite: riscaldamento, ricambio parziale dell'aria ed umidificazione dell'aria.

Le celle di essiccazione tradizionali, basandosi su elementari principi fisici, utilizzano quindi l'aria calda come vettore per estrarre l'umidità dal legno e trasferirla all'aria.

Gli essiccatoi per legno BASCHILD TDK applicano questo concetto all'interno di camere costruite in alluminio ed equipaggiate con sistemi di riscaldamento, ventilazione, ricircolo d'aria ed umidificazione.  In tal modo è possibile variare la temperatura e il grado di umidità dell'aria all'interno della cella e, di conseguenza, modificare la temperatura e l'umidità del legno.

Il tempo di essiccazione è un parametro difficile da prevedere, poiché dipende dal tipo di legno, dallo spessore e da molti altri fattori.

Perciò può essere calcolato soltanto in modo approssimativo.

Il tempo di essiccazione viene influenzato da: struttura e densità del legno, spessore del legno, umidità del legno, umidità dell'aria esterna, temperatura, gradiente, flusso dell'aria tra le cataste, tipo di essiccatoio.

Le celle BASCHILD TDK sono personalizzate sulla base delle caratteristiche del legno da essiccare.

Gli obiettivi del termotrattamento (detto anche termo modificazione) del legno sono: la variazione cromatica, la riqualificazione del materiale con difetti cromatici e la valorizzazione delle specie legnose a scarso valore commerciale.

La termo modificazione del legno può essere eseguita solo su materiale già essiccato e normalmente si effettua sul prodotto semilavorato.

I trattamenti termici portano a risultati differenti a seconda della specie legnosa, con una netta differenziazione tra latifoglie e conifere.

Il più vasto impiego del termotrattamento si ha attualmente nel settore dell'Arredo giardino, nei pavimenti e nei rivestimenti per esterni, nel parquet prefinito (come strato nobile) e nel settore nautico, ma l'applicazione può essere estesa anche ad altri segmenti della filiera.

Da anni BASCHILD è impegnata nella diffusione sul mercato di celle ad alta temperatura, essiccatoi che attribuiscono al legno nuove caratteristiche estetiche e funzionali.

I cicli ad alta temperatura vengono condotti all'interno di speciali essiccatoi della famiglia ATK.  Si tratta di celle con un forte contenuto tecnologico, sia dal punto di vista meccanico che di gestione del processo.

La temperatura di riscaldamento causa una diminuzione nel peso del legno rispetto a quello iniziale, dovuto alla perdita di acqua legata ed estratti volatili; all’aumentare della temperatura avvengono i mutamenti chimici dei componenti macromolecolari della parete cellulare, che comportano anche dei cambiamenti di colore.

Allo stato attuale il trattamento termico del legno viene eseguito tra le temperature di 180°C e 260°C, poichè al di sotto dei 140°C avvengono solo lievi variazioni alle proprietà del materiale, mentre al di sopra di 300°C la temperatura provoca un grave degrado del legno.

Il trattamento può avvenire in un ambiente formato da aria, gas inerte oppure sotto vuoto.

In alcuni processi il riscaldamento del legno avviene con olio, che agisce come mezzo per il trasferimento di calore ed esclude l'ossigeno (responsabile di processi ossidativi).

Il trattamento del legno può avere luogo in un forno a tenuta nel quale si ha un conseguente aumento di pressione.

Nel caso in cui venga trattato legno fresco il processo ha luogo in presenza di vapore ad alta pressione, mentre l'acqua viene fatta fuoriuscire da un condotto.

La presenza di acqua o di vapore acqueo nell’ambiente di trattamento, influenza gli effetti della modifica termica e il trasferimento di calore all'interno del legno.

Se il trattamento avviene a secco, il legno si disidrata prima che la modifica termica abbia luogo; l'acqua può essere anche rimossa grazie ad un sistema di ricircolo dotato di un condensatore. 

Nei forni a tenuta l'acqua evaporata dal legno rimane nell’ambiente sotto forma di vapore ad alta pressione durante il processo.

Il vapore può anche essere iniettato nel forno per agire sia come mezzo di trasferimento del calore sia come sistema di isolamento per limitare i processi ossidativi.

ATK è la cella ad alta temperatura frutto della ricerca BASCHILD.

La tecnica della pre-essiccazione permette di abbassare l’umidità del legno dal fresco di sega al 20÷25% tramite il trattamento in celle chiuse e a temperatura ed umidità costanti.

Non è un’alternativa all'essiccazione, bensì un’alternativa al deposito tradizionale in piazzale.

Il legname estratto dalle celle di pre-essiccazione deve essere essiccato per ottenere contenuti di umidità al di sotto del 20%.

L’utilizzo dei pre-essiccatoi BASCHILD PDK si rende utile per stoccare grandi volumi di legname in un ambiente che lo preservi da tensioni e fessurazioni.

Lo scopo della vaporizzazione è il miglioramento delle caratteristiche estetiche del legno.

All'interno di una camera chiusa e satura di vapore acqueo il legno viene depositato per un periodo di tempo direttamente proporzionale all'intensità di colore che si desidera ottenere. 

L’azione del vapore, con la temperatura dell’aria nell’ordine di +90°C, scioglie i sali e gli zuccheri presenti nel legno, variandone la naturale colorazione

La vaporizzazione si applica per lo più ad alcuni tipi di legno, come faggio, acero, larice e bamboo, ma può essere estesa anche ad altre specie.

BASCHILD offre due modelli di vaporizzatori: i vaporizzatori diretti DVK-D e i vaporizzatori indiretti DVK-I.

Le celle di vaporizzazione vengono utilizzate per variare la colorazione del legno, tramite l'azione del vapore.

I due parametri principali sono quindi la temperatura ed il tempo di vaporizzazione.

Il ciclo di vaporizzazione viene solitamente eseguito in due fasi per una durata complessiva di 10-15 ore. 

Nella prima fase il vapore viene portato ad una temperatura intermedia (ad es. +70°C), mantenuta per alcune ore.

Successivamente la gradazione viene innalzata fino a raggiungere il punto massimo di 96°C ed ancora mantenuta costante per alcune ore.

In seguito il legno viene lasciato raffreddare naturalmente, in modo che non superi la temperatura di +40°C.

Per vaporizzare al meglio, BASCHILD ha creato due linee di prodotti: i vaporizzatori diretti DVK-D e i vaporizzatori indiretti DVK-I.

Il manuale deve essere conservato per tutta la vita tecnica dell’impianto di essiccazione.

Anche in caso di vendita, l’impianto usato dovrà essere accompagnato dal proprio manuale.

Gli essiccatoi BASCHILD sono personalizzati e, di conseguenza, lo sono anche i manuali tecnici.

Contattaci per richiedere una copia del manuale. Siamo a tua disposizione.

Nel corso degli anni i sistemi di controllo BASCHILD si sono evoluti, sino ad arrivare a quello attuale: BASCHILD ZOOM.

Leggi la pagina dedicata ai sistemi di controllo precedenti e contattaci se necessiti di ulteriori informazioni o del manuale di utilizzo.

Gli impianti BASCHILD vengono progettati su misura.

Il nostro team di esperti ne delinea la configurazione in base alle esigenze del cliente finale.

In fase di progettazione vengono discussi numerosi dettagli.

Nel caso di un essiccatoio, i primi punti affrontati sono:

  • le essenze da trattare;
  • il volume mensile od annuo di produzione;
  • gli spessori minimi e massimi;
  • le lunghezze minime e massime;
  • il contenuto di umidità iniziale e finale;
  • il metodo di carico (carrello elevatore, carrelli su rotaie);
  • l'energia di riscaldamento desiderata (vapore, acqua calda, olio diatermico, gas).

In caso di vaporizzatore invece, le specifiche di spessore e contenuto di umidità non sono necessarie.

Sia che tu conosca o meno questi dati, puoi scrivere a BASCHILD per richiedere un preventivo personalizzato, gratuito e senza impegno

Il nostro team è a tua disposizione. 

Richiedi subito il tuo preventivo!

Gli essiccatoi e i vaporizzatori BASCHILD vengono progettati su misura.

Pertanto non esiste un listino con prezzi e misure standard.

Questo è un vantaggio, perchè ti consente di configurare l'impianto più adatto alle tue esigenze.

Richiedi ora il tuo preventivo personalizzato!

BASCHILD dispone di una fitta rete di rivenditori, ciascuno dei quali fornisce tempestivamente un'assistenza specifica.

Sfoglia l'elenco di filiali e distributori e scopri il centro di assistenza più vicino.

Il sistema di controllo attualmente installato sugli impianti BASCHILD è l'innovativo software ZOOM.

Qualsiasi altro controller è ormai fuori produzione.

Per maggiori dettagli puoi consultare l'elenco dei sistemi operativi precedenti.

BASCHILD ti offre la possibilità di sostituire il vecchio controller a condizioni vantaggiose. 

Richiedi ora il tuo preventivo personalizzato!

É possibile scurire il legno in modo naturale, senza l'ausilio di prodotti chimici.

A tale scopo BASCHILD offre diverse soluzioni.

I forni ad alta temperatura della linea ATK termotrattano il legno, dandogli una colorazione scura e rendendolo più resistente agli agenti atmosferici.

Per questo motivo il legno termo modificato è particolarmente adatto all'utilizzo in ambienti esterni.

ll cliente può inoltre personalizzare gli essiccatoi TDK con la tecnologia LSE, che permette la vaporizzazione leggera del legname e, di conseguenza, lo scurimento.

La normale attività dell'impianto di essiccazione provoca rumore.

Per ridurre i decibel BASCHILD propone l'innovativa tecnologia DB-REDUCER.

Le emissioni olfattive sono la fisiologica conseguenza dei trattamenti ad alta temperatura su materia organica.

Per attenuare questi effetti, i forni ad alta temperatura BASCHILD sono dotati della speciale tecnologia NOX-WALL, che filtra gli odori emessi dal legno termotrattato.   

Latifoglie e conifere si differenziano per conformazione cellulare e composizione chimica.

Anche le variazioni di dimensioni, dovute alle oscillazioni del tasso di acqua presente nel legno, non sono le stesse né all'interno della medesima specie legnosa né fra le varie essenze.

Inoltre il legno più denso è più difficile da essiccare, mentre i legni leggeri offrono minore resistenza al movimento e sono più facilmente trattabili.

La densità del legno è influenzata da diversi fattori, come specie, zona climatica di crescita e condizioni di umidità dipendenti dal tempo trascorso dal taglio.

Infine le numerose tipologie di legno esistenti possono essere suddivise in quattro gruppi relativamente omogenei sulla base della resistenza elettrica, che gioca un ruolo fondamentale durante il processo di essiccazione.

Gli essiccatoi BASCHILD rispettano le peculiarità di ciascuna essenza, per garantire un trattamento efficace e di qualità.

Ogni cella è appositamente progettata in base alle tipologie di legno da essiccare ed il software BASCHILD ZOOM consente di impostare un trattamento specifico per le caratteristiche di ciascun carico di legname.

BASCHILD non tratta direttamente essiccatoi e vaporizzatori usati.

In caso di disponibilità, possiamo tuttavia mettervi in contatto con clienti che desiderano vendere i propri impianti.

BASCHILD non tratta direttamente forni ad alta temperatura usati.

Le nostre celle ad alta temperatura sono completamente saldate a mano, perciò qualsiasi tentativo di spostamento risulta difficoltoso.

É impossibile smontare un forno ad alta temperatura BASCHILD senza distruggere le pareti di acciaio inossidabile che lo compongono.

Per questo motivo sconsigliamo l'acquisto di una cella ad alta temperatura usata.

Sei interessato al termotrattamento e vuoi contenere l'investimento?

Chiedici un preventivo gratuito e senza impegno, personalizzato sulla base delle tue esigenze.

Preparare un essiccatoio "fai da te" è possibile.

Si tratta di una cella costruita artigianalmente, nel tentativo di contenere la spesa.

Tuttavia gli essiccatoi "fatti in casa" richiedono comunque un acquisto non indifferente di materie prime, come l'alluminio.

Inoltre si rischia spesso di perdere il valore del legname caricato, a causa di un'essiccazione scadente.

Stai pensando di costruire un essiccatoio "fai da te" per risparmiare?

Prima di intraprendere questo sentiero, chiedici un preventivo gratuito e senza impegno.

I nostri impianti sono personalizzati e possono adattarsi al meglio alle tue esigenze.

Il sistema di controllo ZOOM può essere installato anche su vecchi essiccatoi o vaporizzatori.

Gli esperti BASCHILD preparano un progetto ad hoc in base all'impianto esistente, per migliorarne efficienza e prestazioni.

Richiedi ora il tuo preventivo personalizzato!

I forni ad alta temperatura della linea ATK sono progettati ad hoc in base alle tue necessità.

I tecnici BASCHILD sono sempre a disposizione.

Indicaci le tue esigenze e riceverai una quotazione personalizzata, gratuita e senza impegno.

Richiedi ora il tuo preventivo!

La ventilazione è una fondamentale variabile di essiccazione, poichè influisce profondamente sulla bontà del processo e conseguentemente sulla qualità del legno essiccato.

Per questo BASCHILD ha sviluppato tecnologie in grado di ottimizzare la ventilazione.

Scopri le tecnologie per migliorare la qualità di essiccazione.

L'umidificazione è un fattore determinante per la buona riuscita del processo di essiccazione.

Una cattiva umidificazione può favorire la comparsa di difetti cromatici del legno (come macchie o scolorimenti)

Per garantire un'umidificazione rapida e di qualità, BASCHILD ha introdotto importanti innovazioni.

Leggi nel dettaglio le tecnologie per ottimizzare l'umidificazione ed evitare difetti estetici del legno.

Gli essiccatoi sono impianti dal notevole impatto ambientale.

Ridurre i consumi delle principali fonti energetiche necessarie al loro funzionamento, rappresenta quindi un obiettivo ambizioso.

BASCHILD ha sviluppato numerose innovazioni per eliminare gli sprechi ed abbattere il consumo del combustibile e della corrente assorbita

Scopri le tecnologie BASCHILD per il risparmio energetico.

Per ridurre i consumi degli impianti di essiccazione, BASCHILD offre diverse soluzioni innovative.

Gli essiccatoi della linea TDK consentono di eliminare i consumi in eccesso e diminuire significativamente le risorse energetiche impiegate. 

Scopri le tecnologie per il risparmio energetico.

Le macchie sono difetti estetici del legno, dovuti principalmente ad un'umidificazione scorretta.

Per evitare la comparsa di difetti cromatici, BASCHILD ha introdotto tecnologie che garantiscono una colorazione uniforme.

Nella progettazione di una cella di essiccazione o ad alta temperatura è necessario rispettare i vincoli stabiliti dalla legge in materia di inquinamento e decibel.

Ciò è ancor più importante per segherie poste vicino a centri abitati, dove spesso sono presenti maggiori restrizioni.

Per andare incontro a queste esigenze, BASCHILD fa uso di tecnologie che consentono di ridurre le emissioni sonore, olfattive ed inquinanti.

La legge stabilisce la quantità di Composti Organici Volatili (COV) che un impianto di essiccazione può rilasciare nell'ambiente circostante.

Le emissioni inquinanti non possono dunque superare una certa soglia.

Grazie alla innovativa tecnologia NOX-WALL, gli impianti BASCHILD permettono di essiccare rispettando i limiti previsti dalle normative vigenti.

Newsletter

Rimani aggiornato,
iscriviti alla Newsletter!

Privacy policy

Condividi su: